Una delle tecniche più diffuse per l'analisi di macromolecole biologiche è quella dell'elettroforesi. Questo processo si basa sul principio che, molecole dotate di carica propria, possono migrare se sottoposte ad un campo elettrico. La matrice di supporto della migrazione è costituita nella maggior parte dei casi da un gel di agarosio che funge da supporto. Sottoponendo ad una corsa elettroforetica campioni di DNA preventivamente "tagliati" con enzimi di restrizione, si può effettuare la comparazione di detti campioni. Questa tecnica, detta Fingerprinting, consente, ad esempio, di individuare il colpevole di un delitto a partire dal ritrovamento di reperti biologici rinvenuti sulla scena del crimine.

Image
  • 01Materiale scaricabile
    Progetto allegatoscarica